mercoledì 12 settembre 2007

I figli di Beowulf e il fantasy in Italia


Autore italiano di sf/fantasy e già curatore della rivista amatoriale Diesel, Alberto Henriet sta selezionando un'antologia dedicata al nuovo fantasy italiano in pubblicazione nel 2008 presso la Midgard Editrice di Perugia. L'iniziativa è aperta a contribuzioni sia narrative che saggistiche, per radunare sotto il vessillo del Beowulf le nuove tendenze del fantastico nazionale.
Questo il comunicato editoriale:

E' in preparazione l'antologia I figli di Beowulf 2008. Il nuovo Fantasy italiano a cura di Alberto Henriet. Il volume verrà pubblicato la prossima primavera da Midgard Editrice, e conterrà una selezione di racconti e saggi brevi di fantasy italiano nei suoi vari sottogeneri (Heroic Fantasy; Science Fantasy; Weird Fantasy). Chi fosse interessato a proporre in lettura un suo testo (racconto o saggio breve) lo invii (stampa cartacea e file) al seguente indirizzo:

Alberto Henriet
via Ronc 17
11010 Sarre (AO)

La lunghezza massima deve essere di 20 cartelle, e la scadenza per l'invio è fissata al 31 dicembre 2007. Gli autori selezionati verranno pubblicati nell'antologia senza alcuna richiesta di un contributo per la pubblicazione. Non è prevista la retribuzione dei testi accettati, ma gli autori riceveranno una copia d'autore del volume.

11 commenti:

Tommaso ha detto...

Io dico che questo Henriet è un bello sfruttatore. Cosa vuol dire che non avanza "alcuna richiesta di contributo per la pubblicazione"?

Ma scherziamo?

Siamo a livello delle pubblicazioni APS?

Per me puo' tenersi la sua antologia amatoriale, gonzi qui da me non ne trova.

Andrea Bonazzi ha detto...

Anzi... qui almeno si chiarisce subito che si cercano contribuzioni ma che non saranno retribuite salvo la copia... e si chiarisce che non salteranno fuori richieste di "pagare per pubblicare" come troppo spesso avviene nella piccola editoria nazionale, tanto per speculare sui (troppi?) aspiranti scrittori...

Tommaso ha detto...

Ok, allora garantisci tu? :D

Andrea Bonazzi ha detto...

Sul curatore si, altrimenti col piffero che scrivevo qui di questa roba!

Eppoi vaccamiseria questi sono commenti, mica una chat-line! :D

Tommaso ha detto...

Non essere cosi' attaccato alle etichette e alle convenzioni :D

Tatiana ha detto...

...non parlargli di etichette, per carità! Ci sta bestemmiando da ieri...
Quanto a "staccarlo" dalle convenzioni (sue, che quelle del mondo intero sembrano interessargli poco...), temo servirà agire con un piede di porco.
Strano essere, il Padrone di Casa...^^


P.s.:
Mica male l'idea della chat-line...

Andrea Bonazzi ha detto...

Eh? Che padrone di casa, l'Azienda Regionale Territoriale per l'Edilizia?! : P

Elvezio Sciallis ha detto...

Basta chattare, parliamo piuttiosto di pinzimonio!

Andrea Bonazzi ha detto...

... ma a Roma e nel centro-sud il pinzimonio non si chiama cazzimperio?...

Elvezio Sciallis ha detto...

Andrea, non puoi settare il tuo blog di modo che non ti permetta di commentare i tuoi post?

Andrea Bonazzi ha detto...

Dunque... tecnicamente, se rendo tutti i lettori "amministratore del blog" e me soltanto come "guest", attivando l'opzione di "blog moderato" questi dovrebbero approvare i miei commenti prima di pubblicarli o meno.

In alternativa, qui c'è un altro amministratore cui appellarsi!...