giovedì 14 agosto 2008

Lovecraft secondo Karel Thole



A proposito del recente e monumentale volume iconografico A Lovecraft Retrospective: Artists Inspired by H.P. Lovecraft (Centipede Press, 2008), si lamentava in esso la rilevante assenza fra gli altri di Karel Thole (1914-2000), uno dei più rappresentativi artisti europei del fantastico. Di certo, quello che ha fatto la storia dell’illustrazione editoriale di genere in Italia, e non solo per la fantascienza, fra il 1960 e il ’98: gli anni intercorsi tra la prima e la sua ultima copertina per Urania.

Le immagini proposte in questa sede intendono ricordare, dunque, le storiche (in ogni senso) copertine di Thole per le edizioni italiane di Howard Phillips Lovecraft, e le sue tavole comunque a tema più direttamente lovecraftiano, a partire dalle dense oscurità in Colui che sussurrava nel buio per Urania n. 310 (Mondadori, 1963), la prima raccolta dedicata nel nostro paese allo scrittore di Providence. Quindi, l’estensione escheriana di scale, architetture e prospettive distorte lungo l’intera sovracopertina de I mostri all'angolo della strada, nella sua prima edizione Mondadori del 1966, e la casa dincubo occupata e sovrastata da inquietanti presenze, per la riedizione dello stesso volume nel 1974.

E ancora, il Grande Antico che campeggia sulla cover dell’antologia americana The Disciples of Cthulhu (DAW Books, 1976); il sorvegliante della sinistra torre rotonda de Il guardiano della soglia e lo splendido ritratto d’autore de La lampada di Alhazred, sulle prime edizioni 1977 dei due volumi Fanucci in cui è divisa la traduzione di The Watchers Out of Time and Others, le “collaborazioni postume” di Derleth. Gli ultimi Oscar Mondadori, poi, con la tavola del secondo I mostri all'angolo della strada riadattata su sfondo artificiale per Tutti i racconti 1897-1922, nella sua prima uscita del 1989, e la creatura che dipana un cervello umano come fosse un gomitolo, riutilizzata nel 1990 per Tutti i racconti 1931-1936 benché apparsa in origine sul numero 820 di Urania (K. Laumer, Agente 064: operazione demoni, Mondadori, 1980).

Manca probabilmente un sito web di riferimento in lingua inglese, per mantenere e diffondere l’attenzione internazionale sull’artista. In italiano, uno Speciale Karel Thole si trova in rete su Urania & Co. mentre articoli e memorie personali sono reperibili sulle pagine di Delos a firma di Giuseppe Lippi, Giuseppe Festino e Vittorio Catani. Infine, scorrendo fino in fondo la lista dei video disponibili, presso l’apposita schermata di www.lucaliggio.com si possono vedere in streaming i nove minuti circa di animazione del cortometraggio Thole, omaggio filmato realizzato nel 2000 da Mariano Equizzi.

Gallerie: sito ufficiale in italiano www.karelthole.com; galleria privata su ComicArtFans; copertine di Urania in rassegna completa su MondoUrania.

8 commenti:

galerius ha detto...

Bello quel filmato, quella fantasia ispirata a Thole ; complimenti a Mariano Equizzi.
Di Thole ho sempre adorato, oltre alla perizia tecnica e alla sfrenata fantasia, il senso del colore e della composizione. In quello è stato davvero un artista sublime, che meriterebbe di essere conosciuto a livello mondiale, al pari di un Dalì, un Tanguy, un de Chirico...

galerius ha detto...

Oltretutto...non so se sono il solo in questo, ma a me Thole - forse anche perchè il suo periodo d'oro è quello - rimanda un buon sapore "pop" da tardi anni '60/anni70 ; penso a serie come UFO o Spazio 1999, a film come Zardoz...e a livello personale questo è un ulteriore fascino ;)

Massimo ha detto...

Concordo con quanto hai scritto. Ricordo parecchi anni fa di aver visto una mostra con i suoi originali ed erano molto belli.
Credo che, oltre a pochi lavori di presentazione e critica artistica sulla sua opera, manchino pure raccolte in volumi dei suoi disegni. Se ricordo bene, ne esiste uno solo e credo sia ora difficilmente recuperabile.

Andrea Bonazzi ha detto...

L'unica cosa forse ancora reperibile su ordinazione in libreria, dovrebbe essere Mosaico di Nuages, ma è più testo che altro. Forse anche i racconti di Poe illustrati da Thole, presso lo stesso editore. Raffazzonando una specie di bibliografia, so solo di queste edizioni:

Le primavere del mostro
illustrazioni di Karel Thole, su testo di Piero Zanotto
Quadragono libri, Conegliano 1976

Manuale dell'ignoto. la pittura fantascientifica di Karel Thole
introduzione di Fruttero e Lucentini
Libri illustrati Mondadori, Milano 1981

Karel Thole
Scenari, Editori del Grifo, Montepulciano 1986
(6. Mostra internazionale del film di fantascienza e del fantastico, Roma, Cinema Capranica, 26-30 maggio 1986)
ISBN 88-85282-78-4

Theo van Hoytema, Karel Thole
testi di Ezio Godoli, Paolo Gigli e Cesare Reggiani
Maestri della grafica e dell'illustrazione del novecento, Universitiy Press Bologna, Imola 1988
(Comune di Brisighella, Museo della Grafica Giuseppe Ugonia. Catalogo della mostra)

Universo Thole
a cura di Riccardo Migliori ed Erik Balzaretti
Multidea, Torino 1995
(Museo dell'Automobile "Carlo Biscaretti di Ruffia", febbraio 1995, Torino. Catalogo della mostra)

Racconti
di Edgar Allan Poe, illustrazioni di Karel Thole
Edizioni Nuages, Milano 1994
ISBN 88-86178-03-4

Mosaico
Karel Thole, a cura di Cristina Taverna e Ferruccio Giromini, con testi di Antonio Faeti e Ferruccio Giromin
Edizioni Nuages, Milano 1998
ISBN 88-86456-62-X

galerius ha detto...

Posseggo il catalogo della mostra "Pianeta Thole" tenutasi a Torino nell'87, che ero andato a vedere.
La somiglianza del titolo ( "Universo Thole" ), la città ( Torino ) e perfino il nome della casa editrice ( Unidea per la mostra dell'87 ; Multidea per quella del '95 ) mi spinge a chiedermi se non sia la stessa mostra riproposta qualche anno dopo.

mariano ha detto...

La copertina Tholina de "I mostri all'angolo della strada" mi ha sempre dato un senso di magica inquietudine, uno stato di grazia orrorifica straordinario. indimenticabile.
grazie a Galerius dei complimenti è stato un bel lavoro quello su Thole.

Matteo G. ha detto...

"I Mostri all'angolo della Strada".
Il disegno originale, come ha scritto Giuseppe Lippi nella raccolta di "Tutti i Racconti" editi dalla Mondadori, è andata perduta... tanto che per il volumetto brossurato, è stato necessaria una "ripresa fotografica" della cover del 1966... Come hai fatto ad avere quell'immagine completa dell'opera di Thole? Si vede tutto il lato sinistro del disegno, che nelle pubblicazioni Mondadori non c'è !!!!!

Andrea Bonazzi ha detto...

L'immagine a risoluzione web era in rete da prima del 2008, forse sulla pagina di un collezionista. Da allora se ne è moltiplicata la presenza in altri siti.